Loading...

Caricamento in corso

Image from
Julien Tromeur


Classifica Libri CATEGORIA (E SOTTOCATEGORIE)
Calcio

Vai alla classifica generale

Libri in questa classifica: 9

Pagina 1 di 1

Posizione in classifica: 1

Un Capitano

Francesco Totti

Attività sportive - Calcio

Un Capitano
Se ami il calcio e la roma, non puoi perderti un capitano, il libro autobiografico di francesco totti, scritto con il giornalista paolo condò. In questo best seller, il grande campione ripercorre la sua straordinaria carriera, dal debutto in serie a a 16 anni fino all'emozionante addio al calcio giocato nel 2017. Un racconto sincero e appassionato, in cui totti si confessa senza filtri, ricordando le sue origini umili, i suoi trionfi e le sue delusioni, i suoi amori e le sue rivalità, il suo legame indissolubile con la maglia giallorossa e con la sua città. Un capitano è la storia di francesco totti e di tutto il suo amore per un'unica maglia, l'as roma. Quarant'anni di ricordi in cui saranno ripercorsi con nostalgia, le vittorie, le sconfitte e le vicende che riguardano la carriera calcistica di questo fantastico giocatore. Un libro che ha conquistato i lettori e che è diventato anche un docu-film diretto da alex infascelli. Un capitano è uno dei libri più belli di francesco totti, un'icona dello sport italiano e un simbolo della capitale. Un libro da leggere e da regalare a tutti gli appassionati di calcio e di roma. Un libro che ti farà emozionare, sorridere e commuovere. Un libro che ti farà sentire orgoglioso di essere romanista. Un libro che ti farà dire: grazie capitano!
Punteggio: 1013
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 05/03/2024

Posizione in classifica: 2

Premier League
Il Racconto Epico Del Calcio Più Entusiasmante Di Tutti I Tempi

Nicola Roggero

Attività sportive - Calcio

Premier League<br>Il Racconto Epico Del Calcio Più Entusiasmante Di Tutti I Tempi
Da un volto di skysport, il racconto epico del calcio più entusiasmante di tutti i tempi. Chiunque ami il calcio e vada ad assistere a una partita di premier league in inghilterra resta senza fiato. Perché lì il gioco più bello del mondo è ancor più bello: è il campionato più ricco, gli stadi sono i più spettacolari, le squadre sono al massimo livello. Ma non solo: perché quei luoghi ormai mitici – da stamford bridge a wembley, da old trafford a highbury – preservano una tradizione unica di vittorie e campioni, ma anche il segreto di un rapporto diretto con il pubblico che non esiste altrove. Per tutti gli appassionati italiani che da anni seguono il football britannico in tv (in passato sulla televisione svizzera e tele+, oggi su sky), nicola roggero racconta per la prima volta tutta l'epopea di questo fenomeno, dal lontano 1888 quando il gentiluomo william mcgregor diede origine al primo campionato inglese per arrivare alla finale della champions league 2019 in cui, sbaragliate le altre rivali del resto d'europa, si sono fronteggiate liverpool e tottenham. È una cavalcata entusiasmante che passa dalle prodezze di dixie dean che negli anni venti segnò 349 gol solo con la maglia dell'everton alla tragedia del manchester united nel '58 (una superga inglese), dal dominio pluridecennale in patria e in europa del liverpool alla parentesi oscura degli hooligans. Il tutto per approdare alla fase attuale con il passaggio dalla football alla premier league nel 1992, gli anni di fatica e gloria di alex ferguson, e la carrellata dei massimi interpreti (anche italiani) del football contemporaneo: beckham, shearer, drogba e poi vialli, mourinho, conte, ancelotti, pep guardiola. A dimostrazione che lo stile inglese è inimitabile. Perciò scoprirne le storie e i segreti è un modo per godere più appieno della magia del calcio.
Punteggio: 1003
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 11/07/2024

Posizione in classifica: 3

I Ribelli Degli Stadi
Una Storia Del Movimento Ultras Italiano

Pierluigi Spagnolo

Attività sportive - Calcio

I Ribelli Degli Stadi<br>Una Storia Del Movimento Ultras Italiano
C'è chi li etichetta come teppisti e facinorosi. E chi li dipinge come sostenitori colorati e passionali. Come i padroni violenti del calcio, oppure come gli ultimi romantici in un mondo che ha perso gran parte della sua genuinità. Nel bene e nel male, gli ultras degli stadi hanno scritto pagine importanti nella storia del calcio italiano. Rappresentano quasi mezzo secolo di aggregazione e passione, di originalità e folklore. Purtroppo anche di episodi di teppismo e violenza. Per cercare di comprendere cosa siano gli ultras, bisognerebbe innanzitutto abbandonare la zavorra dei pregiudizi e considerarli come un'aggregazione spontanea, trasversale ed eterogenea, con una forte connotazione ribelle e antagonista al sistema, che incarna le logiche di una dicotomia forte che filtra il mondo attraverso le lenti della contrapposizione amico/nemico. Un multiforme insieme di uomini e donne che amano follemente una squadra e che, insieme alla squadra, amano la città che quella squadra rappresenta, la maglia e i colori che i giocatori portano addosso. Questo volume racconta e spiega il mondo delle curve italiane, mescolando le esperienze dirette con l'analisi di saggi e studi sul movimento ultras, proponendo le autorevoli opinioni di chi ha già studiato il fenomeno e mescolandole con le voci dei protagonisti. Con rigore storico e un pizzico di passione.
Punteggio: 963
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 11/05/2021

Posizione in classifica: 4

Vincere O Morire
Gli Assi Del Calcio In Camicia Nera (1926-1938)

Enrico Brizzi

Attività sportive - Calcio

Vincere O Morire<br>Gli Assi Del Calcio In Camicia Nera (1926-1938)
A partire dal 1926, la storia del calcio italiano e quella del regime s'intrecciano in maniera indissolubile: il ras romagnolo leandro arpinati diventa il dominus di uno sport che esce dal suo periodo pionieristico e assurge a passione nazionale. Sono stagioni trionfali per il torino del 'trio delle meraviglie' e per la juventus del 'quinquennio d'oro', per l'ambrosiana di meazza e per il bologna 'che tremare il mondo fa'; sono gli anni della roma 'testaccina' e della lazio di silvio piola, protagoniste di derby infuocati e determinate a portare il primo scudetto nella capitale. A marcare l'epica del calcio italiano arrivano, sollecitati con forza dalla dittatura, i grandi trionfi degli azzurri: i titoli mondiali del 1934 e del 1938, e quello olimpico ottenuto nel 1936. Pozzo e schiavio, baloncieri e ferraris iv, cesarini e borei diventano in queste pagine personaggi a tutto tondo, e intrecciano i loro destini con quelli di gerarchi, dame, attrici e intellettuali dell'epoca - da d'annunzio a malaparte, da emilio lussu a carlo rosselli. Un affresco che fa rivivere, tra fasti e contraddizioni, il fatale inclinarsi di una società conformista verso il disastro della seconda guerra mondiale.
Punteggio: 963
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 15/03/2023

Posizione in classifica: 5

Preferisco La Coppa
Vita, Partite E Miracoli Di Un Normale Fuoriclasse

Carlo Ancelotti

Attività sportive - Calcio

Preferisco La Coppa<br>Vita, Partite E Miracoli Di Un Normale Fuoriclasse
Carlo ancelotti, uno dei grandi protagonisti del calcio italiano, racconta la sua vita con la schiettezza e lo spirito pungente che gli vengono dalle sue origini contadine. 'uno su mille ce la fa', e lui è quell'uno. Centrocampista forse un po' lento, ma caparbio e con una lucida visione di gioco, ha avuto due grandi maestri, uno agli antipodi dell'altro: liedholm e sacchi. Da lì, la vocazione irresistibile a fare l'allenatore. Attenendosi semplicemente ai risultati, carletto da reggiolo ha vinto tutto. Eppure, la sua carriera sembra un percorso avventuroso, scandito da delusioni e gioie regalate dai suoi ragazzi - fra i tanti, zizou, il più grande, 'cometa discesa dal cielo', kakà 'il secondo più forte che io abbia mai allenato, di sicuro il più intelligente' o ronaldo 'se solo si fosse impegnato un po' di più. ' -, dal mantra del presidente 'voglio vincere tutto e voglio divertire', nonché da inebrianti trionfi ma anche da clamorose sconfitte. Arrivato alla soglia del mezzo secolo, carletto tira le somme di una vita e di una carriera fortunate, come si fa prima di prendere una decisione importante. Importante, sì, perché l'ultima parte di questa storia - gli anni più belli - è scritta in rossonero. Al milan carlo è il secondo allenatore per durata di servizio, appena dopo nereo rocco. Questo però non esclude per lui un futuro da ambasciatore del calcio italiano all'estero. Perché carletto è un prodotto d. o . c . , da esportazione. (prefazione di paolo maldini)
Punteggio: 859
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 01/01/2022

Posizione in classifica: 6

Maradona è Amico Mio

Marco Ciriello

Attività sportive - Calcio

Maradona è Amico Mio
Attraverso la storia di diego armando maradona, marco ciriello rivive la propria, in uno sviluppo narrativo che passa per tre grandi ricostruzioni: geografica (da buenos aires a napoli), sportiva (dai celebri gol ai gesti più controversi) e familiare. Ripercorrendo le tappe decisive della storia di diego, di quelli che stavano intorno a lui mentre cambiava il calcio, maradona è amico mio restituisce l'immaginario creato dal calciatore argentino, capace ancora oggi di influenzare le vite degli altri. Il risultato è un'autofiction che permette di guardare maradona diversamente, senza moralismi, di vederlo per quello che è sempre stato – un eversore, più o meno consapevole, «un lenin allegro e soprattutto cazzaro che, scremando tutta la parte noiosa, arriva al sodo in un solo tocco o in una sola frase».
Punteggio: 723
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 15/06/2024

Posizione in classifica: 7

Calcio Totale
La Mia Vita Raccontata A Guido Conti

Arrigo Sacchi

Attività sportive - Calcio

Calcio Totale<br>La Mia Vita Raccontata A Guido Conti
Lo scudetto all'esordio in serie a con il grande milan; la partita perfetta contro il real madrid, trafitto cinque volte; barcellona invasa da ottantamila milanisti; la finale vinta con lo steaua, per la sua prima coppa dei campioni; l'epopea del mondiale americano del '94: questi sono alcuni gloriosi momenti della vita di arrigo sacchi, il 'profeta di fusignano'. È proprio a partire dal piccolo paese natale a una trentina di chilometri da ravenna che si sviluppa il racconto autobiografico di arrigo: il padre gli regala il primo pallone e lui è il bambino più felice del mondo, gioca terzino sinistro ma capisce subito di non essere tagliato per il 'calcio giocato'. Sarà alfredo belletti, bibliotecario e maestro di vita, il primo a suggerirgli un'altra via per rimanere nell'ambiente: 'se non puoi giocare, fa' l'allenatore! ' . In questo libro, sacchi ci spiega che cosa ha significato per lui 'fare l'allenatore': lasciare il posto sicuro in una fabbrica di scarpe e scegliere un lavoro ricco di incognite e, all'inizio, non certo remunerativo; spaccare in due il mondo del giornalismo sportivo e del tifo con l'integralismo della sua filosofia calcistica. Lo guiderà, in ogni tappa della sua incredibile carriera un ardente e appassionato amore per il calcio, per lo sport inteso anche come etica e scuola di vita, capace di formare il destino non solo di un uomo, ma anche dei giovani di un intero paese.
Punteggio: 681
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 21/01/2022

1
Privacy & Policy
Cosa è e come funziona ClassificheLibri.it
[email protected]