Loading...

Caricamento in corso

Image from
Julien Tromeur


Classifica Libri CATEGORIA (E SOTTOCATEGORIE)
Documenti Giornalistici

Vai alla classifica generale

Libri in questa classifica: 269

Pagina 4 di 27

Posizione in classifica: 31

Senz'anima
Italia 1980-2010

Massimo Fini

Società - Documenti giornalistici

Senz"anima<br>Italia 1980-2010
Un ritratto dell'italia contemporanea, un paese privo di principi, di valori condivisi che non siano il dio quattrino, inguaribilmente volgare, senza dignità e onore, spietato senza essere virile, femmineo ma non femminile, corrotto, intimamente mafioso, devastato nel suo straordinario paesaggio, naturale, urbano, artistico, che lo ingentiliva insieme alla sua gente. Una parodia di democrazia sequestrata dai partiti e dai suoi mediocri esponenti che la violentano, la abusano, la stuprano a comodo loro. 'senz'anima' fotografa uno spazio, mentale, antropologico, politico, quello dell'italia degli ultimi trent'anni, seguendo l'avventura giornalistica di massimo fini, uomo senza appartenenze, dal mitico 'europeo' all''indipendente' fino al 'fatto quotidiano'. Della penna dissacrante di fini non potevano mancare le 'stroncature' e anche i ritratti (mai disgiunti, questi, da una dolente pietas) dei personaggi - da craxi a martelli, da cossiga a berlusconi, da gardini a scalfari, da costanzo a vespa - che hanno contribuito a conciare l'italia così com'è.
Punteggio: 935
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 03/02/2021

Posizione in classifica: 32

V13
Cronaca Giudiziaria

Emmanuel Carrère

Società - Documenti giornalistici

V13<br>Cronaca Giudiziaria
Scandito in tre parti – « le vittime », « gli imputati », « la corte » –, v 13 raccoglie, rielaborati e accresciuti, gli articoli (apparsi a cadenza settimanale sui principali quotidiani europei) in cui emmanuel carrère ha riferito le udienze del processo ai complici e all'unico sopravvissuto fra gli autori degli attentati terroristici avvenuti a parigi il 13 novembre 2015 – attentati che, tra il bataclan, lo stade de france e i bistrot presi di mira, hanno causato centotrenta morti e trecentocinquanta feriti. Ogni mattina, per quasi dieci mesi, carrère si è seduto nell'enorme « scatola di legno chiaro » che era stata fatta costruire appositamente e ha ascoltato il resoconto implacabile di quelle « esperienze estreme di morte e di vita » – le testimonianze atroci di chi aveva perduto una persona cara o era sopravvissuto alla carneficina strisciando in mezzo ai cadaveri, i silenzi e i balbettii degli imputati, le parole dei magistrati e degli avvocati –, e lo ha magistralmente narrato, riuscendo a cogliere non solo l'umanità degli uni e degli altri (sconvolgente, ammirevole o abietta che fosse), ma anche la terribile ironia dei discorsi e delle situazioni. Da questa discesa agli inferi, da questo groviglio di orrore, di ideologia, di follia e di sofferenza, carrère sa, sin dal primo giorno, che uscirà cambiato – così come uscirà cambiato, dalla lettura del suo libro, ciascuno di noi.
Punteggio: 935
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 20/04/2023

Posizione in classifica: 33

Autoritratto Di Un Reporter

Ryszard Kapu?ci?ski

Società - Documenti giornalistici

Autoritratto Di Un Reporter
Da un materiale di migliaia di pagine e di oltre cento conversazioni, è stata ricavata una scelta, distribuita tematicamente in varie sezioni: le origini di kapuscinski, le ragioni che lo hanno portato a scegliere la professione di reporter, il suo approccio alla materia, la sua visione del mestiere, il modo di scrivere, gli stili adottati, le tematiche dei singoli libri, la profonda trasformazione del mestiere di reporter rispetto all'epoca in cui non imperversavano i media. Questo libro è un'occasione per comprendere i ferri del mestiere di un grande reporter e il modo di adoperarli sia dal punto di vista tecnico che morale. Per conoscere la profonda etica umana e ontologica di un uomo cresciuto nella miseria più nera che nel suo lavoro mette al primo posto la comprensione e il rispetto per le sofferenze degli altri. Dietro alla professionalità di kapuscinski sta infatti qualcosa di molto speciale, di mite e nello stesso tempo durissimo: la vocazione.
Punteggio: 935
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 27/07/2021

Posizione in classifica: 34

Saigon E Così Sia

Oriana Fallaci

Società - Documenti giornalistici

Saigon E Così Sia
'saigon e così sia', dal titolo di un famoso articolo di oriana fallaci pubblicato da 'l'europeo' nel maggio 1975, raccoglie per la prima volta in volume i reportage dal vietnam del nord e dalla cambogia (1969-1970), alcune celebri interviste ai protagonisti di quel conflitto e lo straordinario resoconto della caduta di saigon. Come scrive ferruccio de bortoli nella prefazione, 'è l'ideale continuazione di 'niente e così sia', un diario preciso, un racconto fedele. Che comincia con una delusione, cocente. Con la sensazione, dolorosa (quando oriana sbarca ad hanoi), che quel paese avvolto in 'un silenzio disumano' fosse molto diverso dall'immagine eroica e antimperialista che ne aveva gran parte dell'occidente, e che aveva sedotto anche lei'. Quest'opera molto attesa, alla cui preparazione la fallaci aveva messo mano più volte, ancora nei mesi precedenti la sua scomparsa, completa l'eccezionale testimonianza della guerra nel sud-est asiatico. È il governo comunista di ho chi minh a invitare oriana, nel 1969, dopo i reportage dal vietnam del sud pubblicati da 'l'europeo' e tradotti nel mondo intero. La fallaci incontra il generale giap, parla con le giovani donne impegnate nella difesa antiaerea, intervista due prigionieri americani. Così come nel sud aveva condannato la politica estera della casa bianca, qui sarà la prima a esprimere posizioni critiche su un regime immobile, cupo, 'chiuso a chiave in muraglia ideologica'.
Punteggio: 935
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 13/04/2020

Posizione in classifica: 35

Senzanima
Italia 1980-2010

Massimo Fini

Società - Documenti giornalistici

Senzanima<br>Italia 1980-2010
Un ritratto dell'italia contemporanea, un paese privo di principi, di valori condivisi che non siano il dio quattrino, inguaribilmente volgare, senza dignità e onore, spietato senza essere virile, femmineo ma non femminile, corrotto, intimamente mafioso, devastato nel suo straordinario paesaggio, naturale, urbano, artistico, che lo ingentiliva insieme alla sua gente. Una parodia di democrazia sequestrata dai partiti e dai suoi mediocri esponenti che la violentano, la abusano, la stuprano a comodo loro.
Punteggio: 935
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 14/12/2023

Posizione in classifica: 36

La Posizione Della Missionaria
Teoria E Pratica Di Madre Teresa

Christopher Hitchens

Società - Documenti giornalistici

La Posizione Della Missionaria<br>Teoria E Pratica Di Madre Teresa
Christopher hitchens – indimenticato autore di controversi saggi in cui ha applicato la sua vena di libero pensatore iconoclasta a personaggi come henry kissinger, bill clinton e lady diana – propone in questo libro un'insolita analisi della figura di madre teresa di calcutta, rafforzata dalle testimonianze affidabili e ben documentate di alcune ex infermiere della missionaria di origine albanese, nonché di un autorevole medico (robin fox, direttore di una delle più importanti riviste mediche del mondo, the lancet) che visitò una delle sue case di cura. Hitchens sottopone all'attenzione del lettore gli aspetti più contraddittori dell'attività della religiosa e mette in discussione, in maniera coraggiosa e politicamente scorretta, l'«etica della sofferenza» che ne è alla base.
Punteggio: 933
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 11/07/2022

Posizione in classifica: 37

Gli Uomini Di Putin
Come Il KGB Si è Ripreso La Russia E Sta Conquistando LOccidente

Catherine Belton

Società - Documenti giornalistici

Gli Uomini Di Putin<br>Come Il KGB Si è Ripreso La Russia E Sta Conquistando LOccidente
L'interferenza nelle elezioni americane, il sostegno alle forze populiste in italia e in tutta europa, la guerra in ucraina. Negli ultimi anni, la russia di vladimir putin ha condotto una poderosa campagna per espandere la sua influenza e indebolire le istituzioni occidentali. Come è potuto accadere? E, soprattutto, chi si nasconde dietro questo piano ambizioso? Catherine belton, giornalista investigativa già corrispondente da mosca, racconta la storia segreta dell'ascesa al potere di vladimir putin e del ristretto gruppo di ex agenti del kgb che lo circonda. Studiando i meccanismi nascosti del cremlino, la belton ha scovato i personaggi chiave che hanno consentito a putin di sostituire i magnati dell'era eltsin con una nuova generazione di fedeli oligarchi, che hanno rovesciato l'economia e le leggi del loro paese e ne hanno ampliato l'influenza internazionale. Il risultato è un'inchiesta scottante la cui storia inizia durante il collasso dell'unione sovietica, quando una rete di agenti del kgb comincia a sottrarre miliardi di dollari dalle imprese statali per accumulare un bottino in occidente. Putin e i suoi alleati hanno completato l'opera, confiscando aziende private, sopprimendo le voci dissidenti, sfumando i confini tra criminalità organizzata e potere politico, e avviando operazioni segrete per influenzare i governi stranieri. Da mosca a londra, dall'italia all'america di trump, l'indagine di catherine belton evidenzia i contatti e le pressioni, segue i fondi neri mascherati da accordi commerciali, rintraccia i beneficiari della fiducia di putin e i suoi interlocutori, nel resoconto definitivo di come i progetti per la nuova russia si siano estesi, con conseguenze ormai sul mondo intero.
Punteggio: 931
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 26/03/2023

Posizione in classifica: 38

Il Fascismo Degli Antifascisti

Pier Paolo Pasolini

Società - Documenti giornalistici

Il Fascismo Degli Antifascisti
La riflessione sul fascismo e sulla sua evoluzione storica attraversa tutta l'opera di pasolini: questo volume raccoglie alcuni dei suoi testi più significativi scritti sull'argomento tra il settembre 1962 e il febbraio 1975. Prendendo coraggiosamente posizione contro un antifascismo di maniera ormai fuori tempo massimo, pasolini mette in guardia da una nuova forma di fascismo, più subdola e insidiosa, intesa «come normalità, come codificazione del fondo brutalmente egoista di una società». È il sistema dei consumi, che a partire dagli anni sessanta si è reso responsabile dell'omologazione culturale del paese: un potere senza volto, senza camicia nera e senza fez, ma capace di plasmare le vite e le coscienze. A distanza di oltre quarant'anni, questi interventi mantengono intatta la loro forza critica, permettendo di cogliere alcuni dei tratti più profondi dell'italia di oggi.
Punteggio: 931
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 29/04/2024

Posizione in classifica: 39

Nomadland
Un Racconto Dinchiesta

Jessica Bruder

Società - Documenti giornalistici

Nomadland<br>Un Racconto Dinchiesta
Nomadland, nato dall'inchiesta «dopo la pensione» ci accompagna in un viaggio indimenticabile attraverso la vita, i sogni e le speranze dei nomadi del terzo millennio, per scoprire che, squarciato il velo illusorio del sogno americano, al di là è forse possibile scorgere una nuova realtà, più umana, più solidale, più bella. Da questo romanzo è tratto il film omonimo di chloé zhao, interpretato da frances mcdormand, vincitore di tre premi oscar e del leone d'oro alla mostra del cinema di venezia 2020. «dietro
Punteggio: 931
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 15/12/2022

Posizione in classifica: 40

Il Negus
Splendori E Miserie Di Un Autocrate

Ryszard Kapuscinski

Società - Documenti giornalistici

Il Negus<br>Splendori E Miserie Di Un Autocrate
Ras tafari (1892-1975), ultimo imperatore d'etiopia dal 1930 con il nome di hailé selassié i, viene deposto da un colpo di stato il 12 settembre 1974. Kapuscinski si reca ad addis abeba per capire cosa fosse davvero la monarchia assoluta del negus, il re dei re, e perché sia caduta. Riesce a incontrare i rappresentanti dell'entourage imperiale e ne raccoglie i racconti, acuti, commossi, involontariamente umoristici. Intervista gli uomini che stavano a palazzo o avevano avuto il diritto di accedervi, con la funzione di servitori, cortigiani, funzionari, spie, camerieri di ogni sorta, ma anche testimoni acuti e smaliziati di intrighi, lotte di potere e abiezioni. Ne esce un ritratto insolito del negus, educato a cambridge ma deciso a conservare il rituale di bacio al piede e genuflessione, promotore di riforme economiche, morali e sociali che però di fatto preservano l'arcaica sostanza del suo impero, preda di deliri di grandezza e progresso per cui sperpera denaro in un paese che muore di fame. Un vecchio rabbioso, onnipotente e superbo, ma anche terrorizzato dall'idea delle congiure, che si circonda di ministri inetti, in una società gerarchica, primitiva e corrotta. Un ritratto insolito del negus. Una ricostruzione a più voci della vita di corte, dell'arte di governo e di una società, a metà tra l'analisi storica, il reportage e l'opera narrativa. Uno sguardo ironico e stupefatto sull'universo grottesco di ogni dispotismo.
Punteggio: 927
               

Ultimo aggiornamento punteggio: 05/01/2023

Privacy & Policy
Cosa è e come funziona ClassificheLibri.it
[email protected]